Affrettatevi nelle edicole perché va a ruba!!!Sul settimanale “Viver sani e belli” del 4 giugno, il dr Walter Ardigò, intervistato dalla giornalista Silvia Finazzi, parla di :Secondo la tradizione cinese, alcuni di questi vegetali hanno ottime proprietà curative.  Quali sono i più utili :
                                                                                                                                                                                            “il cibo sia la tua medicina”  (Ippocrate IV° sec a.C.)

Le varietà più usate
In micoterapia si utilizzano diversi tipi di funghi. Tutti condividono alcune caratteristiche di base e apportano benefici simili: aumentano le difese dell’organismo, favoriscono la depurazione, migliorano la circolazione, smaltiscono tossine e grassi, stimolano i processi digestivi e regalano energia. Oltre a queste proprietà, ciascun fungo ha un’azione più spiccata degli altri in certi settori. Ecco i principali e le loro caratteristiche più significative. 

 

”I funghi come farmaci”.

SHIITAKE: PER DEPURARE
È amico dell’intestino. Infatti, nutre i fermenti lattici (batteri benefici) ed elimina quelli dannosi. Inoltre, depura il fegato, combatte il colesterolo e fa bene alle ossa e ai denti.

PLEUROTUS: ANTICOLESTEROLO
È ricco di lovastatina, un principio attivo in grado di combattere gli accumuli di colesterolo nelle arterie. Inoltre, aumenta quello “buono” (l’Hdl), che tiene pulite le arterie, ed è efficace anche contro gli alti livelli di triglicerldl.

REISHI: PER LE ALLERGIE
Difende l’organismo dalle allergie, aumenta la vitalità ed è un ottimo antistress. Inoltre, depura la pelle e rende più forti i capelli. Le donne orientali lo usano molto come cosmetico.

AGARICUS BLAZEI: ANTIBATTERICO
Stimola le difese immunitarie. È ottimo contro le allergie e le infezioni batteriche e virali, anche recidive (come la candida). Protegge il fegato e favorisce la riduzione del peso corporeo. 

AURICULARIA: PER IL DIABETE
È utile nelle malattie che possono causare complicazioni della circolazione, come il diabete. Inoltre, ha azione vasodilatatoria e, quindi, aiuta a combattere la pressione alta.

 CORDYCEPS:PERILSESSO
Aumenta il vigore sessuale e l’energia fisica. Può innalzare la carica vitale anche del 30-40%. In Oriente viene usato moltissimo dagli atleti per migliorare le prestazioni sportive (non è una sostanza dopante). È utile contro la stanchezza, la depressione, l’insonnia e in convalescenza.

MAITAKE: PER DIMAGRIRE
Sono molto conosciute le sue proprietà dimagranti: aumenta il consumo di grassi, andando a ridurre il tessuto adiposo. Inoltre, ostacola la duplicazione di virus e batteri.
Può essere usato per controbattere gli effetti secondari della chemioterapia, l’abbassamento delle difese immunitarie e lo stress.

POLYPORUS: PER DRENARE
Ha un’azione drenante e aiuta a combattere gli accumuli di liquidi e la ritenzione idrica. 

Gli studi che provano la loro efficacia
Eccone alcuni dei più noti.
• Una ricerca del­l’università di Oslo (Norvegia) ha dimo­strato che l’Agaricus blazei contiene so­stanze utili nella pre­venzione e nella ri­duzione dei sintomi delle allergie.
• Uno studio inter­nazionale ha rivelato che il Cordyceps è efficace nell’aumen­tare, fino al 30-40%, l’energia psicofisica personale, accrescen­do del 30-40% l’os­sigenazione dell’or­ganismo.
• Un gruppo di ricercatori del­l’università di Tulane (Usa) ha condotto uno studio su alcune persone appena ope­rate: metà sono state trattate con antibio­tici e metà con anti­biotici in associazio­ne ai funghi. Ebbe­ne, si è visto che nel primo gruppo la per­centuale di infezioni è stata del 49%, nel secondo del 9%.
• Uno studio cinese ha valutato l’efficacia della micoterapia nella cura delle ma­lattie cardiache. Gli studiosi hanno sco­perto che l’associa­zione fra Cordyceps e farmaci dà risultati migliori (documen­tati dall’elettrocar­diogramma) rispetto alla sola cura farma­cologica.

Regalano salute, energia e bellezza
La micoterapia “mo­derna” si basa sul­l’utilizzo di funghi commestibili in capsule o in compres­se.
• Secondo gli esper­ti della metodica, i funghi sono in grado di dare all’organi­smo ciò di cui ha più bisogno: salute ed energia, oltre che be­nessere e bellezza.
• Tutti i funghi so­no in grado di au­mentare le difese immunitarie (natu­rali), di depurare gli organi dalle tossine e dai grassi, di miglio­rare la circolazione del sangue e di au­mentare la produzio­ne di energia, poten­ziando il rafforza­mento e l’autoguari­gione del corpo.
• Come tutte le me­todiche di origine orientale, anche la micoterapia non pun­ta solo a curare e prevenire i sintomi locali, ma cerca di ri­solvere le cause alla base dei problemi, considerando  la persona nel­la sua totalità.

Che cos’è la micoterapia
La micoterapia è la scienza che studia e utilizza le proprietà biologiche dei fun­ghi per migliorare la salute dell’uomo, esattamente come fa la fitoterapia, sfruttando le virtù delle piante.
• Nella medicina tradizionale cinese è da secoli che si fa largo utilizzo dei funghi per curare e prevenire le malat­tie. È solo da una ventina di anni, pe­rò, che ci si è resi conto che i funghi possono essere al­leati dell’organismo e si è pensato di usarli per una vera e propria cura .
• Il merito va ad alcuni ricercatori americani e giappo­nesi che, dopo avere scoperto che l’uti­lizzo dei funghi è il segreto di alcune, tra le popolazioni più sane e longeve del pianeta, hanno messo a punto que­sta metodica.
• La micoterapia dal Giappone e dal­la Cina è stata pri­ma esportata nel Nord America e poi si è diffusa in tutto il mondo. Da pochi anni è utilizzata an­che in Italia.

Utili per curare e per prevenire
La micoterapia è una metodica che si applica in molti casi. Alcune persone la usano per il tratta­mento di disturbi passeggeri o specifi­ci, come stanchezza, cali di energia, dolo­ri addominali, ec­cesso di peso, alti livelli di colesterolo. Infatti, in queste si­tuazioni preferisco­no evitare il ricorso ai farmaci e indiriz­zarsi verso un’alter­nativa naturale, ma efficace.
• In altri casi, i fun­ghi possono essere usati come preven­zione di una malat­tia o di una ricaduta (si pensi alle allergie stagionali o alla can­dida), oppure come cura per aumentare le difese naturali, drenare e depurare il fegato, il sangue e la linfa, migliorare l’energia e la salute in generale.
• La micoterapia può essere usata an­che in associazione ai farmaci e alle cure tradizionali, per po­tenziarne l’efficacia o per mitigarne gli effetti collaterali.
• Per ottenere effet­ti più rapidi o im­portanti, si possono usare anche più fun­ghi contemporanea­mente.
• In genere, la cura prevede l’uso di 3-4 compresse al giorno di ciascun fungo per alcune settimane (la durata viene stabili­ta dal medico in ba­se alla persona e al disturbo specifico da trattare). 

SOTTO FORMA DI CAPSULE
I funghi usati nella micoterapia si trovano comunemente in natura, tanto che in passato le popolazioni orientali consumavano quelli raccolti nei campi. Oggi, la cura si basa su capsule o compresse, che contengono estratti di funghi coltivati appositamente.
I prodotti in commercio generalmente sono sicuri: sono stati sottoposti a controlli che ne garantiscono la qualità e la sicurezza per i consumatori.
In Italia, i funghi usati nella micoterapia si possono acquistare in alcune erboristerie e farmacie, senza bìsogno di ricetta medica o possono in internet. In questo caso, solo il medico esperto può suggerire i siti più affidabili e sicuri.

I costi sono contenuti: circa 1 euro al giorno per ogni fungo. 

Pochissimi effetti collaterali
I medici suggerisco­no sempre di man­giare i funghi in quantità limitate, perché potrebbero causare problemi di salute. Non ci sono rischi, dunque, nel seguire una cura a base di funghi?
• In realtà, secondo i sostenitori della micoterapia, seguire questo trattamento non comporta al­cun problema. In­fatti, i funghi, a causa della loro componente fibro­sa, possono essere un po’ pesanti da digerire all’inizio ma, se commestibi­li, non danneggiano la salute. Oltretutto le quantità ingerite con le capsule o le compresse sono limitate.
• I prodotti micoterapici sono sicuri, non provocano effetti collaterali e possono essere associati ai farmaci tradizionali, anche se e bene parlarne al proprio medico.
• L’unica eccezione riguarda l’Auricularia. Si tratta di un fungo che viene sconsigliato durante la gravidanza e a chi fa uso di anticoagu­lanti, perché il suo effetto anticoagulante sommato a quello di un farmaco può essere eccessivo e quindi l’uno esclude l’altro.  

A CHI RIVOLGERSI
In Italia non esiste una scuola dedicata alla micoterapia. Gli esperti si sono formati per lo più all’estero.
A chi rivolgersi, dunque?
Innanzitutto, bisogna considerare che si tratta di una metodica valida ed efficace, ma solo se praticata da persone preparate.
Per questo, la cosa migliore è consultare i medici, ossia a laureati in medicina e chirurgia, che hanno poi seguito un percorso di specializzazione in metodiche naturali, inclusa la micoterapia.
Negli ultimi tempi, si sono moltiplicate le iniziative dedicate alla micoterapia, come corsi, conferenze e incontri rivolti ai professionisti che si occupano della salute, come dottori, farmacisti, naturopati ed erboristi.
La persona può scegliere informandosi con farmacisti e medici.
In ogni caso, può essere utile chiedere all’esperto scelto quali corsi ha seguito e qual è la sua specializzazione
Per maggiori informazioni sulla micoterapia è possibile visitare alcuni siti internet dedicati, come:
www.dottorardigo.it www.energiaesalute.org Con la consulenza del dr Walter Ardigò, medico, agopuntore, omeopata, ed esperto in micoterapia a Cortefranca (Bs).  

Servizio di Silvia Finazzi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*