Chemioterapia

Coriolus, Cordyceps, Agaricus, Reishi sono il rimedio naturale per gli effetti collaterali

Cara amica, caro amico, se stai vivendo un periodo di particolare difficoltà, preoccupazione e sofferenza a causa di un tumore, sappi che puoi trovare una forma di sollievo nell’apprendere che i funghi Coriolus, Cordyceps, Agaricus e Reishi sono rimedi naturali capaci di ridurre o eliminare gli effetti collaterali della chemioterapia, come dimostrato da parecchi studi clinici condotti sull’uomo. Alcune ricerche condotte in Giappone, Cina e in USA hanno dimostrato inoltre gli effetti antitumorali di Coriolus, Cordyceps, Agaricus e Reishi, sia in vitro, sia su animali, sia (come accennato) in studi clinici sull’uomo.
“La chemioterapia antitumorale è fortemente limitata dalla sua tossicità” ha più volte dichiarato il professor Roberto Mazzanti dell’università di Firenze, che ha dedicato molti studi e ricerche al problema, cui purtroppo vanno incontro tutti i malati di tumore. Proprio per questo, negli ultimi anni, in Oncologia è cresciuta in maniera significativa l’attenzione ai trattamenti che possono diminuire o neutralizzare, anche parzialmente, gli effetti collaterali di chemioterapia e (in misura minore) di radioterapia.
Coriolus, Cordyceps, Agaricus e Reishi contengono i Beta-glucani, sostanze uniche in natura e che è importante associare a chemioterapia e radioterapia, perché riducono i pesanti effetti collaterali (tra i tanti che si possono citare – vedi elenco qui sotto – ci sono, immunosoppressione, scarso appetito, vomito…). Effetti così invalidanti per i pazienti da condizionare, spesso, il buon esito della terapia stessa. Ricerche fatte in Giappone e in Cina hanno suggerito che Coriolus possa costituire una soluzione interessante, capace di migliorare la qualità della vita dei pazienti, purché sia associato sistematicamente alla chemioterapia del tumore (Kidd, 2000).

I principali effetti collaterali tossici della chemioterapia

  • alopecia;
  • disturbi gastrointestinali infiammatori, con nausea, vomito;
  • scarso appetito, grave calo ponderale;
  • dolori;
  • stanchezza;
  • calo delle difese immunitarie;
  • immunodepressione e calo della produzione di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine da parte del midollo osseo, che è il tessuto deputato alla produzione;
  • anemia;
  • carenza di globuli bianchi con maggiore suscettibilità alle infezioni;
  • tossicità epatica;
  • tossicità  renale;
  • patologie cardiache;
  • sterilità permanente;
  • patologie neurologiche;
  • rischio di ammalarsi di un secondo tumore.

Coriolus, Cordyceps, Agaricus, Reishi sono rimedi naturali da associare alla chemioterapia o radioterapia

Da alcuni studi, che si sono concentrati, in particolare, sulla sintomatologia gastrica caratterizzata da disturbi infiammatori, mancanza di appetito, nausea e vomito, è emerso che il PSP (Coriolus) ha fornito risultati incoraggianti e significativi.
Anche in questo caso, studi approfonditi hanno mostrato un minor impatto di questi effetti collaterali grazie all’aggiunta di Coriolus. Nel gruppo cui è stato somministrato PSP si è ottenuto un aumento di peso, di cellule natural killer e una marcata riduzione (85,8%)  degli effetti indesiderati rispetto al gruppo di controllo (41,9%).
Mi auguro che questo patrimonio di conoscenze ma – soprattutto – di evidenze scientifiche, possa entrare a far parte stabilmente e in maniera consapevole, della nostra cultura e della prassi medica.

Cordialmente
dr Walter Ardigò

Bibliografia

  1.  Hobbs C (2000). Medicinal value of Lentinus edodes (Berk) Sing (Agricomycetideae): a literature review. Int. J. Med. Muschroom 2: 287-302.
    Mazzanti R., Principi di chemioterapia, Università di Firenze

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*