Gastrite con reflusso esofageo

Hericium e Cordyceps liberazione totale

Gastrite con reflusso gastro-esofageo: cos’è e come si sviluppa

Il rigurgito è causato dalla non perfetta chiusura della valvola che separa l’esofago dallo stomaco. È chiamata Cardias, ma non c’entra nulla con il cuore. Solo che, come qualsiasi valvola, anch’essa si apre – in sintonia con i movimenti di entrata del cibo nello stomaco – e si richiude subito dopo, per evitare che i succhi gastrici attivati dal processo di digestione raggiungano l’esofago. Lo stomaco sano, o quasi, è protetto da uno strato di muco che, come un velo, avvolge e ricopre le pareti dello stomaco. Se il cardias non si chiude come dovrebbe, si può andare incontro all’esofagite, che si verifica quando una parte del cibo in via di digestione, denominato bolo acido, finisce nell’esofago, causando forti bruciori.

Gastrite con reflusso gastro-esofageo

Prima che si giunga alla gastrite con reflusso esofageo, il soggetto che ne soffre di solito ha già avvertito che il suo stomaco ha qualcosa che non va: digerisce con difficoltà, accusa gonfiori e acidità.
Cordyceps e Hericium costituiscono un’accoppiata efficace e risolutiva per questa sintomatologia, anche in presenza di gastrite con Helicobacter pylori.
Hericium
  • favorisce la digestione, riportando il processo alla normalità;
  • aumenta il muco nello stomaco, che protegge la mucosa gastrica dall’acidità secreta per la digestione;
  • aumenta la serenità e riduce lo stress emotivo.
Cordyceps
  • grazie alla sua azione antinfiammatoria, restituisce tono alla parete muscolare dello stomaco, migliorando la sintomatologia legata alla gastrite.
  • ridà la forma e funzionalità allo stomaco che non si chiude ermeticamente e che rigurgita acidità nell’esofago, infiammandolo.

Cordialmente
dr Walter Ardigò

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*