I funghi medicinali contengono decine e decine di principi attivi

Come già ricordato in altri articoli di questo blog – ma, come si suol dire, repetita iuvant – i funghi medicinali assicurano sei funzioni importanti per il nostro organismo, perché contengono decine e decine di principi attivi.
Le sei funzioni sono:
  • aumentare le difese immunitarie;
  • tonificare l’apparato digerente;
  • pulire fegato, sangue, colesterolo;
  • tonificare cuore e  circolazione;
  • difendere dallo stress;
  • far rifiorire la pelle.

I principi attivi

I principi attivi agiscono attraverso meccanismi d’azione che sono stati studiati e dimostrati attraverso centinaia di ricerche scientifiche, condotte nelle università e nei centri di ricerca di tutto il mondo. Le sostanze attive più importanti contenute nella maggior parte di questi funghi sono:
I Beta-glucani, 
che possiedono attività:
  • immunostimolanti;
  • antinfiammatorie, con azione Cortison-like;
  • antivirali, stimolano la produzione di interferone;
  • antistaminica;
  • di riduzione dell’eccesso di colesterolo e di trigliceridi ematici;
  • di riduzione della glicemia, con miglior utilizzo periferico del glucosio;
  • epatoprotettrici.
  • di stimolo alla produzione di cellule staminali del midollo osseo, con  riequilibrio della
produzione dei globuli rossi, bianchi e delle piastrine.
I Triterpeni,
che possiedono attività:
  • immunostimolanti in sinergia con i Beta-glucani;
  • antibiotiche;
  • antivirali;
  • antinfiammatorie;
  • antiistaminiche;
  • anti-ipertensive, con meccanismo ACE-inibitore;
  • antinfiammatorie sulle pareti vascolari;
  • di riduzione dell’eccesso di colesterolo;
  • di tonico surrenale.
 
Adenosina e Guanosina,
che possiedono attività:
  • vasodilatatrici;
  • di antiaggregante piastrinico;
  • adattogeno, antistress, ansiolitico e miorilassante.
Enzimi:
  • citocromo P-450;
  • perossidasi, catalasi, laccasi e SOD, con azioni antiossidanti e anti-radicali liberi con effetto anche anti-aging.
Prebiotici:
  • le fibre nutrono solo la flora batterica intestinale sana, in sinergia con i Betaglucani e i Terpenoidi, che tendono a ridurre batteri intestinali patologici.
Erinacina, contenuta nell’Hericium erinaceus,
che possiede attività:
  • di stimolo del nerve growth factor (NGF), fattore di crescita scoperto dalla prof.ssa Rita Levi Montalcini (premio Nobel per la Medicina, 1986)
Il Germanio organico contenuto nel Reishi, che possiede attività:
  • di stimolo dell’ossigenazione;
  • di depurazione da metalli tossici come piombo, cadmio e mercurio.
Il Vanadio organico contenuto nel Coprinus,
che possiede attività:
  • ipoglicemizzante.
Esistono poi altri principi attivi utili, che non sono così rari e preziosi, come quelli sopra descritti, ma che risultano comunque utili e vantaggiosi:
  • le Vitamine del gruppo B, la ergosterina pro-vitamina D, la vitamina C nel  fungo (Coprinus);
  • i macro-minerali presenti in abbondanza nell’organismo: magnesio, potassio, calcio, fosforo, ferro;
  • i minerali traccia presenti in piccole quantità nell’organismo;
  • zinco e selenio, entrambi con un elevato potenziale antiossidante e importanti fattori di protezione per le cellule, tessuti e vitalità. Lo zinco, inoltre, è molto utile per l’acne, la gravidanza e la sessualità ;
  • silicio, utile per le ossa;
  • rame, importante nelle anemie per il metabolismo del ferro.
  • gli aminoacidi: gli otto aminoacidi essenziali e tutti gli altri amminoacidi
  • il Glucomannano, una fibra vegetale che tende a dare sazietà;

Cordialmente
dr Walter Ardigò

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*