La Cirrosi

Meglio con Reishi, Cordyceps, Hericium e Polyporus

Pavel, 42 anni, ha la cirrosi. È arrivato da me in condizioni molto critiche, quasi all’ultima spiaggia. È animato comunque dalla speranza di essere aiutato, perché nel suo paese, la Croazia, la micoterapia è molto conosciuta e tenuta in alta considerazione.
Non a caso, Pavel mi racconta che sua nonna utilizzava alcuni tipi di funghi per curare diverse malattie e tantissime persone del posto si rivolgevano a lei. Purtroppo, oggi, sua nonna non c’è più.
Pavel si è ammalato di epatite alcolica che poi, dopo anni, è degenerata nella forma più grave, la cirrosi, appunto. Prescrivo Reishi, Cordyceps Hericium e Polyporus e già dopo due settimane Pavel comincia a sentirsi meglio. Nella cirrosi i sintomi che più spesso si manifestano sono stanchezza, calo dell’energia e ipertensione. Anche l’appetito e la digestione peggiorano. I benefici assicurati dai funghi si cominciano ad avvertire già dopo quindici giorni: Pavel cammina con minore fatica, mangia più volentieri e i mal di testa, un vero tormento per lui, non sono più così frequenti. Anche la pressione arteriosa risulta un po’ più bassa. Dopo un anno di continui malesseri, i miglioramenti che Pavel riscontra su di sé rappresentano una speranza concreta, una vera boccata d’ossigeno. Le energie sono aumentate, la sensazione di nausea si è ridotta e Pavel ha cominciato a sentire più forza ed energia. Ritrovando l’appetito, ha recuperato anche qualche chilo.
Come agisce il Reishi e la Micoterapia
Reishi, Cordyceps, Hericium e Polyporus

Reishi, Cordyceps

Fermano la deposizione di nuovo tessuto duro fibrotico e aumentano la vita delle cellule. Il Reishi e il Cordyceps difendono le cellule residue e ne migliorano il funzionamento, limitando i danni alle cellule del fegato. Da un lato, rafforzano la salute del fegato, dall’altro, riducendo la produzione di collagene, arrestano la progressione della cirrosi.

Polyporus

È utile in caso di ascite, per eliminare il liquido accumulato nell’addome, oppure quando si ha la pressione alta.

Hericium

In presenza di varici esofagee, rafforza l’attività dello stomaco.
La cirrosi è la deposizione molto estesa di tessuto cicatriziale nel fegato. Con il passare del tempo, la degenerazione dei tessuti compromette la funzione dell’organo. È la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e il cancro (nei pazienti di età compresa tra i 45 e i 65 anni).

Cordialmente
dr Walter Ardigò

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*