No, la cura deve essere continuata per almeno 3 mesi, così che il benessere generale possa consolidarsi. nei primi sei mesi di trattamento i sintomi spesso diminuiscono e in alcune malattie vengono risolti. Anche nelle patologie più pesanti, comunque, si registrano considerevoli miglioramenti. I progressi del secondo trimestre indicano che i rimedi e l’organismo sono entrati in sinergia a un livello più profondo e che i principi attivi sono “al lavoro”. Così il miglioramento di cause e sintomi può procedere, accompagnandosi a maggiore equilibrio, salute e benessere.

…pizzicando qua e là sul sito ” I Funghi Medicinali in 240 malattie: guida alla scelta” 
Buona lettura
dr Walter Ardigò

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

Immagine CAPTCHA

*